0833 50 58 08 - 0833 51 32 67 leis04800q@istruzione.it

Carissimi Colleghi

Il legame forte che mi unisce alle persone presenti nell’auditorium e online in occasione del Collegio Docenti  potrebbe causarmi un’emozione così intensa da creare una barriera al facile eloquio o alla giusta intonazione della voce.

Motivo per cui ho preferito pubblicare la mia lettera di saluto sul sito della Scuola.

Quando negli anni ottanta dello scorso millennio ho iniziato a insegnare in questo Istituto, non pensavo certo a questo momento, ero preso dal ricambiare la calorosa accoglienza e la tanta benevolenza che avevo ricevuto con la partecipazione a ogni iniziativa scolastica e di formazione.

Lascio il lavoro contento di poter avere tutto il tempo per me, per i miei cari, per le mie passioni e per la mia pigrizia. Sono anche felice di non dover più rispettare orari e scadenze e il solo pensiero che non avrò dei compiti da correggere mi rende già di buon umore. Non mi mancheranno nemmeno le riunioni pomeridiane e, in particolare, sarò ben lieto di non dover partecipare ai seppur doverosi ma estenuanti incontri scuola-famiglia.  L’insegnamento mi è sempre piaciuto e mi piace ancora, devo però ammettere che in nell’ultimo anno, complice la mia stanchezza, più del necessario mi sono avvalso dell’esperienza per compensare l’impazienza e la forzata comprensione nella gestione delle dinamiche di classe.

Posso dire che non mi duole per nulla andare in pensione, addirittura ci sarei rimasto male se la normativa vigente non mi avesse consentito di cessare il servizio , ma niente di imputabile a questa Scuola ha contribuito ad accrescere il desiderio di essere collocato in quiescenza; semmai è il contrario.

Sono stato così bene in questo Istituto che mai ho neppure pensato che in un’altra sede avrei potuto trovare migliori condizioni di lavoro. Piacevolmente sono venuto a scuola sempre senza rincrescimento sapendo di trovare un clima di lavoro disteso e collaborativo. 

Certo non sono mancati i momenti di demotivazione e di sfiducia. Ad esempio, l’inadeguata retribuzione e la progressiva perdita di autorevolezza professionale e prestigio sociale sono state a volte scoraggianti. Mi sono sentito ancora peggio quando delle disposizioni ministeriali affrettate e approssimative hanno complicato gli adempimenti di fine anno, lo svolgimento degli esami di maturità o l’applicazione dei criteri di valutazione. Per fortuna l’ambiente coinvolgente, stimolante e propositivo che caratterizza questa Scuola, ha reso le problematiche meno impegnative e gravose.

Sono comunque sicuro che nel ripercorrere i decenni lavorativi trascorsi in questo Istituto, la mia mente, corrotta dalla nostalgia, evocherebbe soltanto bei ricordi e anni sereni da farmi venire il “magone da distacco”; per questa ragione mi riprometto di non voltarmi indietro. Non sarà facile.

E’ stato un lungo, meraviglioso viaggio, durato oltre 40 anni! A volte di corsa o a passo di marcia, a volte lento, con grande fatica, ma sempre con impegno e passione, travolto dalla vitalità e dall’allegria dei nostri alunni

Il mio grazie va a ( quasi ) tutti i Dirigenti che con pazienza e competenza hanno guidato ed organizzato il mio lavoro, al Personale di Segreteria, sempre disponibile e gentile, agli insostituibili Collaboratori per il loro prezioso aiuto, a tutti i Colleghi, per l’amicizia e la lunga e gratificante collaborazione, per i confronti, a volte un po’ accesi, che ci hanno fatto crescere e d apprezzare la bellezza e l’unicità del nostro lavoro.

Grazie ai Genitori  per la loro collaborazione, la grande disponibilità e comprensione.

Un pensiero speciale agli Alunni e ai Colleghi che non sono più tra noi….

Ma  soprattutto, un grazie grandissimo ai miei splendidi, meravigliosi e indimenticabili datori di lavoro: i miei Alunni, che ogni giorno mi hanno messo alla prova, mi hanno valutato e trasmesso un po’ di “nuovo pensiero”. Senza di Loro il divario di idee e di cultura con le nuove generazioni sarebbe stato certamente più ampio. Insieme abbiamo coltivato sogni, voglia di crescere e conoscere. E’ stato un grande privilegio lavorare con voi. Mi avete regalato emozioni, lacrime preziose, sorrisi indimenticabili e ognuno, un pezzetto di cuore, che ora custodisco molto gelosamente…

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi